Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Dona una parola
Cinquanta donne per cinquanta domande. Parte dal Centro Amazzone una campagna femminile per la valorizzazione della parola.
Cinquanta donne sono invitate a donare una parola. Una parola importante di sé, senza limite di argomento, che abbia a che fare col desiderio, col sogno, col dolore, con il tempo, con la bellezza… La donazione può essere fatta di una o al massimo dieci parole.
Le parole donate costituiranno un vocabolario dell’anima. Il vocabolario attraverserà con modalità performative, ogni giorno differenti, le attività della XII Edizione della Biennale del Progetto Amazzone (24-28 ottobre 2018).
Perché cinquanta?
Cinquanta erano le figlie di Danao che fuggirono dall’Egitto per sfuggire a nozze imposte. Le donne chiesero ed ottennero accoglienza dal re di Argo dopo parere unanime del popolo. Questo è il nucleo narrativo delle #Supplici di Eschilo a cui è ispirato anche lo spettacolo in programma per il #ProgettoAmazzone.
Come partecipare?
Basta inviare una mail entro il 30 settembre con il proprio messaggio all’indirizzo centroamazzone@gmail.com, inserendo per oggetto “Dona una parola” e il proprio nome e cognome. Il 10 ottobre è previsto un incontro generale con le donne aderenti al progetto.
Cinque donne sostengono cinquanta donne
Le cinquanta donne iscritte al progetto saranno sostenute da cinque testimonial d’eccezione che hanno già dato una parola importante nel mondo dell’arte, dello sport, della scienza, della politica e della letteratura.

Loro hanno già donato la loro parola. E tu?

Anna Grassellino | IL CORAGGIO DI SOGNARE IN GRANDE
Il momento più bello è quando la scienza ti riserva una sorpresa, un qualcosa che non sai ancora spiegare; quello è il momento in cui con coraggio devi scegliere la strada in salita, per arrivare alla verità. Non dobbiamo avere paura del futuro, anche se a volte può essere in salita. Nella scienza,come nella vita, dobbiamo essere ambiziosi, e dobbiamo tornare a sognare in grande I grandi sogni emozionano, i grandi sogni uniscono, i grandi sogni creano speranza.

Maria Grazia Cucinotta | IL DONO DELLA VITA
Noi donne doniamo la vita e spesso la società di scorda delle nostre vite, se si resta in silenzio.

Giuseppina Torregrossa | IL CONTO DELLE MINNE DEVE ESSERE PARI
Il conto delle minne deve essere pari, perciò dobbiamo pensarci in tempo, chè la Minna solitaria non è un problema individuale, ma sociale.

Delfina Nunes | L’ORGOGLIO DI ESSERE DONNA
La donna deve essere libera e serena di vivere la propria femminilità e l’orgoglio di essere donna

Giusi Malato | DONNA, FAMIGLIA E SOCIETÀ
La donna rimane il perno attorno al quale gravita la società. Se manca, viene a mancare l’architrave su cui poggia il tutto.

Venerdì 14 settembre riprendono le attività del Centro Amazzone
Il Centro Amazzone: la casa della salute delle donne.
Ripartono le visite mediche gratuite offerte dal Centro (in via dello Spirito Santo al Monte di Pietà al Capo). Tutte le donne avranno la possibilità di effettuare la visita senologica gratuita, di avere la consulenza sull’alimentazione e lo stile di vita, ma anche quella psicologica per la paziente e le famiglia. Poi anche informazione sui rischi ambientali, incontri medico-paziente e laboratori teatrali per pazienti e non.
Una prenotazione unica per più opportunità
– visita senologica;
– accesso agli esami e controllo dei referti diagnostici (mammografia, ecografia, esami di sangue…);
– consulenza sull’alimentazione e lo stile di vita;
– consulenza psicologica;
– informazione sui rischi ambientali;
– incontri medico-paziente;
– laboratori di coscienza corporea.
La pratica della prevenzione è un esercizio giornaliero fatto di scelte ponderate e responsabili che riguarda più fattori. Per questo il programma di prevenzione del Centro Amazzone coniuga insieme la diagnosi precoce con la prevenzione primaria.
La visita senologica non ha solo l’obiettivo della mammografia ma è il mattone fondamentale della prevenzione. Si tratta di scegliere il senologo e di stabilire un dialogo con lui (lei) indispensabile a condurre il calendario annuale degli esami e degli incontri e costruire una storia personale di “cura di sé”.


Il Centro Amazzone è “la Casa della Salute” dove la storia della donna viene registrata, aggiornata e seguita passo passo con la presenza di professionalità dedicate: dal senologo, all’esperto dell’alimentazione, allo psicologo, all’esperto dell’ambiente, al coordinatore delle attività di coscienza corporea e così via.

L’età consigliata per la prima mammografia, in generale, è di 40 anni laddove non ci sono sintomi, ma il programma di prevenzione del Centro non ha limite di età, dedicato anche alle giovani che non rientrano nelle prescrizioni del Sistema Sanitario Nazionale. Si sa come il tumore al seno sia diventato sempre più curabile ma il numero di casi è aumentato notevolmente: 50.000 secondo le stime AIOM 2017.
Altro fattore importante che va associato alla “visita senologica” è la questione alimentare che è centrale nelle scelte quotidiane specialmente di una donna, sia per sé stessa che per la famiglia. L’esperta del Centro Amazzone accompagna le donne in tali scelte sia nella prevenzione che nel percorso terapeutico. Il programma di prevenzione e di sostegno delle pazienti include la consulenza psicologica anche per la famiglia, che deve imparare a convivere con una paziente oncologica. Questo servizio fa parte del “Progetto Lea” ed è aperto a tutte le patologie oncologiche femminili.
Il ventaglio di opportunità di protezione dal cancro al seno contiene ancora un programma di strategie di difesa degli elementi nocivi alla salute provenienti dall’ambiente (casa, posto di lavoro, città, campagna …) e i laboratori teatrali in cui imparare ad ascoltare il proprio corpo, a conoscerne le risorse profonde e ad utilizzarle nei momenti di crisi.
Potete iniziare a prenotare la vostra visita o una consulenza, chiamando i numeri: 091.7407357, 350.0342349 oppure al 347.7255485 dal lunedì al venerdì, dalle ore 10.00 alle 13.00.

Ringraziamo Maria Grazia Cucinotta per il suo sostegno alle Amazzoni!

Io sto fuori scena
Spettacolo “SUPPLICE PER BIANCO TORMENTO” ispirato a “Supplici” di Eschilo; testo di Lina Prosa; regia di Simone Audemars.
Appello per l’inserimento di cinque giovani nel percorso creativo “fuori scena” relativo alla realizzazione dello spettacolo “Supplice per bianco tormento” per la XII edizione del Progetto Amazzone.
Periodo di impegno, dal 24 settembre al 28 ottobre 2018 presso la sala MigraTeatro del Centro Amazzone. Ambiti di interesse e di adesione personale a cui indirizzarsi:
– assistenza alla regia (conoscenza della lingua francese);
– luci di scena;
– strategie scenografiche;
– cura dei costumi;
– gestione spazio teatrale.
L’appello rientra nelle strategie del progetto «Platea Civica» dell’Associazione Arlenika Onlus finalizzato ad abbattere le barriere culturali ed economiche esistenti tra il sistema teatrale ufficiale e la comunità esclusa dalle opportunità culturali. L’iniziativa “Io sto fuori scena”, è finalizzata, in tale ambito, a portare i giovani in età compresa fra 20-35 anni (senza rigido limite) dentro la macchina creativa del teatro, sollecitando così scelte professionali altrimenti poco identificabili. La partecipazione ha carattere volontaristico e non è remunerata. I partecipanti saranno inseriti nella locandina dello spettacolo.
Come partecipare: inviare in una mail le proprie generalità (nome, cognome, data di nascita, residenza, telefono, e-mail, dichiarando l’ambito di interesse a cui essere assegnato e la disponibilità di sottoporsi ad un colloquio con la direzione del progetto, in presenza di eventuali numerose richieste. Le richieste vanno inviate entro il 15 settembre all’indirizzo: info@progettoamazzone.it
N.B: Non è prevista esperienza teatrale precedente.

Progetto Amazzone / 1
La XII Edizione delle “Giornate Biennali Internazionali” del Progetto Amazzone si svolgerà a Palermo dal 24 al 28 ottobre 2018. Un programma rinnovato ma sempre intenso, di teatro, conferenze scientifiche e culturali, progetti sulla donna, rassegna sulle culture, incursioni di filosofia e archeologia… e tanto altro ancora per riflettere, come avviene dal 1996 ad oggi, sui temi più importanti della vita: la salute, la lotta contro il cancro, la solidarietà, il diritto alla dignità della persona e al rispetto del corpo, la difesa dall’impoverimento della qualità umana…
Il tema generale “Il Corpo in Fuga. Cultura e Cancro” è il territorio di attraversamento a cui sono invitati tutti: pazienti, giovani, studenti, artisti, medici, associazioni, donne, uomini e tutte quelle parti sociali che sentono forte il bisogno di dare un contributo e fare il percorso insieme.

Attenzione agli appelli che seguiranno e che vedranno i cittadini protagonisti del programma.

Anna Barbera, Lina Prosa

Le attività del Centro Amazzone
Le attività sono ispirate al Progetto Amazzone (Mito – Scienza – Teatro) nato nel 1996 per cambiare i condizionamenti culturali che stanno intorno alla malattia di cui è emblematica l’esperienza femminile del cancro al seno. Il Progetto, ha un’articolazione multidisciplinare, promuove un approccio globale all’esperienza della malattia attraverso il Mito, la Scienza, il Teatro.
Il Mito, per aiutare le donne, pazienti e non, a riprendere contatto con l’Origine e trovare in sé le energie personali nel difficile percorso di guarigione; a diventare protagoniste delle relazioni umane e sociali nel contesto della crisi personale.
La Scienza, per fare interagire Ricerca, Cura e Partecipazione e avvicinare i sani e gli ammalati alla comprensione dei processi biologici e di cura.
Il Teatro, per ridare al corpo intaccato dalla chirurgia e dalle modificazioni provocate dalle terapie, valore di comunicazione e di relazione con l’“altro”; per dare alla malattia un valore di integrazione e non di separazione, di ricostruzione dei valori universali.

Download della brochure in PDF:   Centro Amazzone - Programma 2018


• Comune di Palermo – 16 ottobre 2017
• la Repubblica – 18 ottobre 2017 – Marta Occhipinti
• la Repubblica – 21 novembre 2017 – Marta Occhipinti


Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi